Santa Teresa di Gesù Bambino (di Lisieux)
Vergine e dottore della Chiesa





Scrivi a
Don Giuseppe

contatti

Flash MP3 Player

No flash player!

It looks like you don't have flash player installed. Click here to go to Macromedia download page.


Powered by Flash MP3 Player

Orario S.Messe

Invernale:
Feriali:
ore 17.00
Prefestivo
ore 17.00
Festivo
ore 7.30 - 9.30 - 11.00

..........................................

Estivo:
Feriali:
ore 17.30
Prefestivo
ore 17.30
Festivo
ore 7.30 - 10.30

Il Vangelo di oggi:

TV Lourdes

lourd tv
in diretta 24 ore su 24:

TV Fatima

lourd tv
in diretta 24 ore su 24:

Telepace

Telepace tv
in diretta 24 ore su 24:

Tele Padre Pio

Padre Pio Tv
in diretta 24 ore su 24:

TV 2000

Tv 2000
in diretta 24 ore su 24:

Evangeli.net

1 ottobre

Santa Teresa

Santa Teresa Bambina

Sensibilissima e precoce, fin da bambina decise di dedicarsi a Dio. Entrò nel Carmelo di Lisieux e nel solco della tradizione carmelitana scoprì la sua piccola via dell'infanzia spirituale, ispirata alla semplicità e all'umile confidenza nell'amore misericordioso del Padre.

Posta dalla vocazione contemplativa nel cuore della Chiesa, si aprì all'ideale missionario, offrendo a Dio le sue giornate fatte di fedeltà e di silenziosa e gioiosa offerta per gli apostolo del Vangelo. I suoi pensieri, raccolti sotto il titolo Storia di un'anima, sono la cronaca quotidiana del suo cammino di identificazione con l'Amore.
Con San Francesco Saverio è patrona delle missioni. (Mess. Rom.)

Patronato: Missionari, Francia

Etimologia: Teresa = cacciatrice, dal greco; oppure donna amabile e forte, dal tedesco

Emblema: Giglio, Rosa

Martirologio Romano: Memoria di santa Teresa di Gesù Bambino, vergine e dottore della Chiesa: entrata ancora adolescente nel Carmelo di Lisieux in Francia, divenne per purezza e semplicità di vita maestra di santità in Cristo, insegnando la via dell’infanzia spirituale per giungere alla perfezione cristiana e ponendo ogni mistica sollecitudine al servizio della salvezza delle anime e della crescita della Chiesa. Concluse la sua vita il 30 settembre, all’età di venticinque anni.

30 settembre: A Lisieux in Francia, anniversario della morte di Santa Teresa di Gesù Bambino.

Si arrampica a Milano sul Duomo fino alla Madonnina, a Pisa sulla Torre, e a Roma si spinge anche nei posti proibiti del Colosseo. La quattordicenne Teresa Martin è la figura più attraente del pellegrinaggio francese, giunto in Roma a fine 1887 per il giubileo sacerdotale di Leone XIII. Ma, nell’udienza pontificia a tutto il gruppo, sbigottisce i prelati chiedendo direttamente al Papa di poter entrare in monastero subito, prima dei 18 anni. Cauta è la risposta di Leone XIII; ma dopo quattro mesi Teresa entra nel Carmelo di Lisieux, dove l’hanno preceduta due sue sorelle (e lei non sarà l’ultima).Santa Teresa
I Martin di Alençon: piccola e prospera borghesia del lavoro specializzato. Il padre ha imparato l’orologeria in Svizzera. La madre dirige merlettaie che a domicilio fanno i celebri pizzi di Alençon. Conti in ordine, leggendaria puntualità nei pagamenti come alla Messa, stimatissimi. E compatiti per tanti lutti in famiglia: quattro morti tra i nove figli. Poi muore anche la madre, quando Teresa ha soltanto quattro anni.
In monastero ha preso il nome di suor Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo, ma non trova l’isola di santità che s’aspettava. Tutto puntuale, tutto in ordine. Ma è scadente la sostanza. La superiora non la capisce, qualcuna la maltratta. Lo spirito che lei cercava, proprio non c’è, ma, invece di piangerne l’assenza, Teresa lo fa nascere dentro di sé. E in sé compie la riforma del monastero. Trasforma in stimoli di santificazione maltrattamenti, mediocrità, torture, restituendo gioia in cambio delle offese. E’ una mistica che rifiuta il pio isolamento. La fanno soffrire? E lei è quella che "può farvi morir dal ridere durante la ricreazione", come deve ammettere proprio la superiora grintosa. Dopodiché, nel 1897 lei è già morta, dopo meno di un decennio di vita religiosa oscurissima. Ma è da morta che diviene protagonista, apostola, missionaria. Sua sorella Paolina (suor Agnese nel Carmelo) le ha chiesto di raccontare le sue esperienze spirituali, che escono in volume col titolo Storia di un’anima nel 1898. Così la voce di questa carmelitana morta percorre la Francia e il mondo, colpisce gli intellettuali, suscita anche emozioni e tenerezze popolari che Pio XI corregge raccomandando al vescovo di Bayeux: "Dite e fate dire che si è resa un po’ troppo insipida la spiritualità di Teresa. Com’è maschia e virile, invece! Santa Teresa di Gesù Bambino, di cui tutta la dottrina predica la rinuncia, è un grand’uomo". Ed è lui che la canonizza nel 1925.
Non solo, nel 1929, mentre in Urss trionfa Stalin, Pio XI già crea il Collegio Russicum, allo scopo di formare sacerdoti per l’apostolato in Russia, quando le cose cambieranno. Già allora. E come patrona di questa sfida designa appunto lei, suor Teresa di Gesù Bambino.


fonte:SantieBeati

Spunti bibliografici su Santa Teresa di Lisieux a cura di LibreriadelSanto.it

Altri suggerimenti...




Evento Parrocchiale 2006
Il Ritorno Di S.Teresa di Gesù Bambino del volto Santo

Sono trascorsi dieci anni, dalla prima venuta in Italia delle Reliquie di S.Teresa di Gesù Bambino del Volto Santo, nella parrocchia di S.Giustina. La comunità accoglie ancora con grande festa S.Teresa, dal 20 al 27 di agosto. La settimana è parallela al Meeting di Comunione e liberazione di Rimini, nella cui manifestazione si svolgerà una tavola rotonda proprio su S.Teresa il lunedì 21 agosto. Il tema della conferenza tenuta dal Moderatore P.Cassaro insieme al P.Conrad De Meester e al Rettore della Basilica di Lourdes P.R.Zambelli.

S.Teresa sarà comunque celebrata solennemente qui a S.Giustina. La settimana sarà intensa come dieci anni fa. Ogni giorno aprirà la giornata la S.Messa alle ore 7.00 quindi ore 8.00 Lodi Solenni cantate. S.Messa ore 9.00 con omelia di un padre Carmelitano o un Vescovo.
Nella mattinata una conferenza di un esperto, fra cui P.Conrad de Meester, P.Giuseppe Pozzobon, P.Mauro Lepori, e altri nomi eccellenti.
Alle ore 12 Ora di Sesta. Pomeriggio varie iniziative di preghiera davanti le Reliquie. Ore 18.00 Concelebrazione solenne con un Cardinale o un vescovo. Per il martedì è previsto il collegamento radio con l'emittente RADIO MARIAdi Como. Nelle celebrazioni solenni saranno presenti Mons.P.Sambi, nunzio apostolico in U.S.A., Mons.Fuad Twal coadiutore del Patriarca di Gerusalemme, Mons. Claudio Celli, D.Giovanni D'Ercole, Cardinale Simonis dell'Olanda e altri.

Ogni sera dopo cena dalle ore 21.00 sono previsti pezzi di Teatro di S.Teresa, spettacoli musicali sempre inerenti S.Teresa, concerto con Giosi Cento, fontane luminose con musica di S.Teresa, serata di sabato con la fiaccolata all'esterno con finale spettacolare. La domenica si chiuderà con la Petite Messe Solennelle di G.Rossini. Ogni notte la chiesa resterà aperta per la prehiera, è possibile prenotare anche per gruppi per le notti di preghiera.


MOSTRA SU: S.TERESA DI GESU' BAMBINO E LA SCOPERTA DEL VOLTO SANTO

Per tutta la settimana sarà aperta una mostra sul tema di Teresa e il Volto Santo.
La mostra è a tema, è composta da 24 pannelli. Ilustra l'aspetto meno noto della Santa,e cioè il suo itinerario pasquale, la sua conformazione alle sofferenze di Gesù.La mostra sottolinea l'aspetto mistico della persona di S.Teresa e la scoperta del Volto Santo di Gesù in base ai fatti che lei vivrà nel suo breve periodo di esistenza. La mostra è stata preparata con la collaborazioen del P.Jesus Castellano, (purtroppo deceduto in questi giorni a cuiva il nostro grazie) e da lui molto apprezzata. Sara possibile poterla visitare anche nel periodo precedente la venura di S.Teresa, con appuntamento telefonico.